home > chi siamo > Il legno

il legno

La forza del Gruppo Pedrazzini si trova nel legno, che per noi ha un valore materiale e simbolico.

Il legno non è come il metallo: i freddi numeri, da soli, non bastano a descriverne le qualità. Usiamo diversi tipi di legni come i resinosi abete, larice e pino e legni duri provenienti dall’Europa: rovere e castagno, ognuno con caratteristiche diverse. Padroneggiarle significa sapere esattamente che utilizzo ne puoi fare, conoscerne pregi e limiti. Significa prottegerlo e salvaguardarlo, usando i dovuti accorgimenti.

Lo dimostra il fatto che anche i nostri primi progetti, realizzati ormai molti anni fa, reggono benissimo alle aggressioni del tempo che passa e, soprattutto, degli agenti atmosferici.

Il legno ha un’anima, e i nostri professionisti la conoscono, la amano, la lavorano da sempre. E la rispettano, utilizzando costantemente materia prima certificata PEFC. PEFC è la dimostrazione del fatto che i prodotti provengono da boschi sottoposti a coltivazione sostenibile e mirano al mantenimento del patrimonio boschivo.

 

Caratteristiche del legno nell'edilizia:

> resistente all’acqua (può essere bagnato, torcersi e asciugarsi rimanendo comunque integro);

> idoneo per la realizzazione di strutture a rischio di incendio in quanto, bruciando, la trave di legno ha un comportamento uniforme che mantiene il nucleo integro, a differenza di cemento armato e acciaio che tendono a crollare contestualmente allo svilupparsi dell’incendio;

> di lunga durata e sono innumerevoli gli esempi in Italia e nel mondo di centine, capriate e solai che sono in “esercizio” da secoli. Basta saperlo usare e conservare.

> particolarmente appropriato per realizzare strutture in grado di resistere a terremoti anche di elevata intensità. Il legno come materiale e le strutture in legno in generale sono naturalmente dotate di alcune caratteristiche intrinseche che ne rendono non solo adatto, ma addirittura consigliabile l’impiego in zona sismica. Essendo un materiale leggero, rispetto ad altri materiali da costruzione (es. calcestruzzo, muratura laterizia ecc.), le sollecitazioni indotte dall’azione sismica sono notevolmente inferiori. Inoltre il fatto che il legno sia maggiormente deformabile comporta bassi valori di rigidezza e quindi un’alta flessibilità che si può tradurre in un aumento del periodo proprio di oscillazione e, quindi, in una minore suscettibilità della struttura nei confronti dell’azione sismica